11/11/2017
Divieto di fumo in auto
Vietato fumare in auto: dal 2 febbraio 2016 è legge. Il ddl presentato al Senato l’anno scorso ha trovato la sua strada e si allinea alla direttiva 2014/40/UE sui prodotti del tabacco. Bisogna specificare subito una cosa: il fumo è vietato solo in presenza di minori e donne in gravidanza. La multa? Può arrivare fino a 500 euro.
Il presidente del Codacons Carlo Rienzi nel 2015 aveva commentato con i dati: il 15% degli incidenti stradali dovuti a una distrazione, la cui media arriva a 11,5 secondi mentre ci si accende o si fuma una sigaretta. Quasi dodici secondi dove tutto può accadere, insomma. Basta uno sguardo in meno e un incrocio in più, a ben pensarci.
Nonostante il disegno di legge n. 1902 puntasse a modificare il Codice della Strada per il fatto di vedere nella sigaretta una fonte di distrazione, alla fine la legge si è convertita in una contravvenzione atta a difendere categorie molto sensibili.
Fumare nell’abitacolo dell’auto è dannoso: non solo per chi fuma, ma anche per la salute dei passeggeri, soprattutto dei bambini, che sono costretti a respirare un fumo passivo concentrato. In questo caso l’Inghilterra ha fatto una grande campagna di sensibilizzazione, e da diversi anni le auto sono smokefreein presenza di minori.
Ma anche in Italia la notizia ha raccolto l’interesse dei medici, soprattutto dei pediatri. La Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale avvisa: l’esposizione al fumo passivo ha effetti negativi sulla salute dei bambini che restano i soggetti da tutelare, insieme alle donne in stato di gravidanza.
Il divieto di  cui al comma 1  è esteso al conducente di autoveicoli, in sosta o in movimento, e ai passeggeri a bordo degli stessi in presenza di minori di anni diciotto e di donne in stato di gravidanza.
Le sanzioni

Le sanzioni sono disciplinate dall’articolo 7 della legge 11 novembre 1975,  n.  584, aggiornata dall’articolo 52, comma 20, della legge 448 del 2001: i trasgressori sono soggetti alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 25 a euro 250; la misura della sanzione è raddoppiata qualora la violazione sia commessa in presenza di una donna in evidente stato di gravidanza o in presenza di lattanti o bambini. 

ULTIME NOTIZIE
06/06/2018
Le sempre più stringenti normative in tema di emissioni stanno minando il futuro del diesel. Con l’introduzione delle nuove norme europee RDE (Real Driving Emissions) è stata introdotta una stretta che mira ad un sostanziale blocco per le auto diesel dal 2020.
06/06/2018
Per la gestione dell'esodo estivo, Autostrada del Brennero ha programmato una serie di misure gestionali straordinarie.
29/05/2018
Secondo il Ministero dell’Interno la targa prova si potrà usare solo sulle auto nuove da immatricolare. È questo quanto è emerso dalla recente circolare che stabilisce come “l'autorizzazione alla circolazione di prova di cui all'art. 98 C.d.S. abbia il solo scopo di evitare di munire della carta di circolazione un veicolo che circola su strada”.
12/03/2018
La Provincia autonoma di Trento delibera gli incentivi disponibili per il 2018: previsti aiuti fino a 6mila euro per l'acquisto di veicoli ibridi o a zero emissioni. Contributo del 60% della spesa invece per l'installazione di colonnine di ricarica
26/02/2018
È stata segnalata la commercializzazione di polizze Rc auto contraffatte, tramite alcuni siti internet, che riportano i dati identificativi di un intermediario, iscritto nel Registro unico degli intermediari – RUI, il quale ha dichiarato la propria totale estraneità relativa alle attività svolte tramite i siti medesimi.